Giovani Democratici di L’Aquila: Città Europea dello Sport: "Quale Progetto?"

1' di lettura 14/04/2021 - "E’ ormai noto ai più il riconoscimento che è stato dato alla città per essere la “Città Europea dello Sport”. La domanda che ci poniamo è: che tipo di progetto c’è dietro l’ottenimento di questo riconoscimento?"

"Anzitutto è bene rammentare che non si tratta di un riconoscimento ottenuto grazie a delle specifiche caratteristiche e/o sulla base di un progetto che l’amministrazione ha realizzato; bensì di un titolo che viene acquistato dall’amministrazione.

Malgrado questo pessimo metodo di prendere in giro la città facendogli credere di aver ottenuto dei riconoscimenti e di aver portato a casa risultati, c’è un questione di merito che riguarda questo tema: la maggior parte delle strutture sportive pubbliche della città sono in condizione pessima e non sono fruibili né dalle società che vorrebbero gestirle né da i singoli cittadini.

Strutture pubbliche più eminenti come il Pala Japan che è donato nel post-sisma dal governo nipponico e come il complesso di Verde Acqua sono in stato di abbandono da anni e l’amministrazione neanche tenta di risolvere e affrontare i problemi che riguardano queste strutture.

Ottenere (o meglio comprare) un titolo è davvero imbarazzante e ridicolo specie se - come constato - non c’è un progetto sportivo in città e le strutture sportive non sono affatto pronte e funzionanti per essere una città europea dello sport.

Chiediamo le scuse dell’amministrazione."


da Giovani Democratici di L’Aquila





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-04-2021 alle 11:49 sul giornale del 16 aprile 2021 - 146 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bXsg