Fucino, i Comuni chiedono lo stato di emergenza per la crisi dovuta alla siccità

1' di lettura 21/06/2022 - Mercoledì ci sarà la conferenza Stato Regioni per richiedere lo stato di emergenza vista la crisi dovuta alla siccità. "Sarà l'occasione - ha detto l'assessora di Avezzano con delega all'impianto irriguo Loreta Ruscio - per chiedere i soldi per gli invasi previsti nel Pnrr e che nessuno ad oggi ha richiesto dalla nostra Regione".

A Roma era presente anche un rappresentante della Regione Abruzzo che ha potuto ascoltare le ipotesi di soluzione prospettate a livello nazionale ma i sottoscrittori del patto garantiranno la loro presenza in tutte le fasi successive per la tutela degli interessi della Marsica anche perché questa volta c'è la sensazione di aver trovato un interlocutore attento e rispettoso dei rappresentanti comunali e soprattutto delle esigenze dei cittadini marsicani. Proprio sul dossier Fucino, c'era stata, nei giorni scorsi, una riunione operativa nel municipio di Avezzano con la partecipazione dell'assessora Ruscio e del consigliere comunale Antonio Del Boccio per sbloccare la situazione dei fondi e mantenere alta l'attenzione con la sottoscrizione di un documento che i primi cittadini di Avezzano, Celano, Trasacco, Collelongo, Ortucchio, Villavallelonga, Cerchio, Lecce nei Marsi, Aielli, Gioia dei Marsi, San Benedetto dei Marsi, Pescina, Collarmele e Luco dei Marsi avevano voluto chiamare 'Patto per il Fucino'. Chiaro l'obiettivo degli amministratori: fare corpo unico, con la massima determinazione, per ottenere risposte e tempistiche chiare per quello che, con 15mila addetti, è il motore del territorio e rischia di vedere svanire l'attesa ristrutturazione dell'impianto irriguo che assicurerebbe la miglior razionalizzazione della risorsa più preziosa.






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 21-06-2022 alle 11:25 sul giornale del 22 giugno 2022 - 106 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dcb7





logoEV