SEI IN > VIVERE AVEZZANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Sante Marie, Berardinetti: "No al trasferimento del canile sanitario"

2' di lettura
14

Il canile sanitario della Marsica non deve essere trasferito all'Aquila. A lanciare l'appello è il sindaco di Sante Marie, Lorenzo Berardinetti, che teme la chiusura di questo importante servizio.

Il canile sanitario, dove vengono portati tutti i cani accalappiati non solo nella Marsica ma anche nell'Alto Sangro e nella Valle Peligna, è stato realizzato nel territorio comunale di Sante Marie 15 anni fa dalla comunità montana Marsica 1. Riceve ogni anno mille cani che, dopo le adeguate visite, vengono accolti nell'adiacente rifugio per animali in attesa di essere adottati. Solo nel 2023 sono stati adottati 300 cani grazie al lavoro portato avanti dal gestore e dalle associazioni che vi collaborano. Nella provincia dell'Aquila ci sono due canili sanitari: uno all'Aquila e uno a Sante Marie.

La Asl il 19 dicembre scorso ha pubblicato un bando per poter creare un nuovo canile all'Aquila stanziando subito 46.900 euro per l'acquisto di box dove dovrebbero essere ospitati i cani. La notizia ha fatto andare su tutte le furie i sindaci che dovrebbero così sostenere le spese di trasporto dei cani accalappiati dai comuni della Marsica all'Aquila e poi di nuovo dal capoluogo a Sante Marie o in uno degli altri rifugi dove dovrebbero essere ospitati in attesa di adozione.

“È inconcepibile che una struttura funzionale venga chiusa e vengano investiti nuovi soldi per crearne un’altra all’Aquila dove tra l'altro già c’è”, ha commentato il sindaco Berardinetti, “abbiamo 50 posti a Sante Marie e 50 posti all’Aquila, come previsto dalla legge, non capiamo perché la Asl voglia ora creare altri 50 posti nel capoluogo sottraendo così un servizio alla Marsica. Chi pagherà poi i conti? Come sempre i Comuni perché se il canile sanitario di Sante Marie verrà chiuso i cani accalappiati nella Marsica dovranno andare all’Aquila per essere visitati e poi magari riportati nel rifugio di Sante Marie dove resteranno fino a quando non saranno adottati. E perché spendere 46.900 euro per creare nuovi box provvisori all’Aquila quando abbiamo una struttura già esistente dotata di tutto ciò che serve per far stare bene i cani? Speriamo che la Asl faccia un passo indietro”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-12-2023 alle 17:30 sul giornale del 28 dicembre 2023 - 14 letture






qrcode